Inaugurazione a Villa Welsperg

Ultimati i lavori di Riqualificazione del Compendio

A fine luglio ha avuto luogo la presentazione dei lavori di Riqualificazione del Compendio di Villa Welsperg nel Parco Naturale Paneveggio Dolomiti di San Martino che hanno riguardato, in particolare,

  • la costruzione di una struttura di accoglienza/ riparo dei visitatori (denominata “barch”),
  • la realizzazione di una “stalla didattica” e di una sala espositiva/riunione nel tabià posto vicino alla Villa,
  • la creazione di punti esplicativi nel giardino e
  • la sistemazione della segnaletica

 

Il “barch” è una costruzione in acciaio ruggine /corten con tetto e pareti ricoperte da verde e pavimentazione in legno. Ha la funzione di riparo per i visitatori (sono frequenti i momenti durante i quali in val Canali piove) e per accogliere le scolaresche attorno ad attività didattiche. Pur nella sua semplicità, rappresenta una proposta di accostamento di una struttura “contemporanea” con una tradizionale costruzione locale, desiderando stimolare, a tal proposito, una forma di discussione sull’argomento. Inoltre, l’uso del verde sul tetto e come paramento verticale intende fornire “naturalità” ad un luogo vocato alla didattica naturalistica.

 

Nell’intento di mantenere quanto più originale la struttura esistente la stalla è stata risanata, in particolare, dall’umidità, dotata di riscaldamento radiante a pavimento e a convezione per razionalizzarne l’uso invernale (con uso di pompa di calore geotermica), ripavimentata, dotata di nuovo impianto di illuminazione e di nuovi arredamenti. Verrà utilizzata, in particolare, dai numerosi gruppi di studenti che visitano il Compendio.

Il fienile del tabià è stato riorganizzato al fine di divenire sala espositiva e, all’occorrenza, di riunione / assemblea. Sono state rimosse strutture improprie e realizzato un sistema di illuminazione / riscaldamento per mezzo di pannelli sospesi. Strisce led e faretti consentono una illuminazione diretta/indiretta e direzionale; pannelli riscaldabiti elettricamente un effetto di riscaldamento per radiazione.

I luoghi più significativi del giardino sono stati messi in evidenza introducendo tabelle esplicative, piccole strutture in tondino di ferro ruggine o tinteggiato di giallo, panche.

I punti di ingresso al Compendio sono stati indicati con grandi tabelle e sono stati realizzati segnali direzionali, seguendo coerenti criteri compositivi.

 

Progetto:

ing.arch.Henry Zilio

con arch.M.Sole Bresolin, arch.Michele Baggio, arch.Sara Dalla Serra, arch.Paola Zanon, dott.geom.Davide Giacobbo, ing.Lorenzo Strauss, per.Devis Rodighiero, per.Thomas Giacobbo, geom.Robero Baggio, geom.Ilaria Bettega

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s